Claudio Abbado in Milan

00 =*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*

APRIL 6, 2009

Please check
🙂 From JIWON: I can’t help writing… (Tristan/Scala-2007, German Sound, Wagner and Belcanto) (Dec 7, 2007)
Want to read? Please click “La Voce del Loggione.” – Tristan und Meier
JIWON: Despite diligent working by Meier Fan, their VOICE-comments ended with Comment #237. But then, he finished their reviews by posting Pro’s article from http://www.festspiele.de/. Whether it was his intention or not, it looked very funny. What would happen to this public place, if anyone could express their Italian opinion without being brainwashed by Professional-Critics or Perfect-Wagnerite or Information-from-Germany? It will be very interesting to read ALL of THEM… It’s also fun to read when they change their subject.
http://lavocedelloggione.splinder.com/post/14998600#comment
Comment #306: Caro Daniel, pensa a noi, ai nostri bambini, ai nostri anziani che ci dobbiamo vivere tutti i giorni n questa camera a gas !! Ma chi te lo fa fare di venire a dirigere a Milano, questa orchestra di buffoni ???!!
Comment #306-Barenboim: “A Milano c’è una bellssima atmosfera, molto meglio del clima” dice Barenboim Forse è questa l’unica critica alla città da parte di Barenboim, che trascorre la maggior parte del tempo a Berlino (a Milano tornerà solo per le repliche), dove è direttore musicale del teatro Unter den Linden dal 1992. «A Berlino – ha spiegato -, con i 24 laghi della zona circostante c’è un’aria meravigliosa. Qui invece fisicamente non posso respirare. Spiritualmente sì, ma fisicamente no».

JIWON: Weird that FOLKS only talk about trees. Where is MUSIC in Milan? I’ve heard that there is a specific reason why Italian cities’ suffer from grave air pollution. Will those beautiful trees be able to survive and overcome this situation?

Anyway, how come both previous Music Directors at La Scala, Abbado (1968 – 1986) and Muti (1986 – 2005), finished their directorship in controversy? *.* Can I find someone to explain what exactly happened when Maestro Abbado stormed out of Milan opera house 23 years ago? I only know Abbado’s BPO-then-LucernFO.

The most hopeless or academically-worthless music in the world would be Barenboim’s WEDO-like musicians playing Abbado’s Mahlerian-or-Symphonic interpretation. (They can go one step further from their 2008 performance… after disgustingly imitating Barenboim’s interpretation-or-phrasing. Why hopeless? A real talented musician can’t make A NOTE when he sits in front of or next to or behind this DEAD sound. How come the audience can expect their making phrasing when it is impossible to make A NOTE? Simply, the musicians have to use the exactly opposite physical language whenever the audience wants to hear the exactly same interpretation-or-phrasing. This is why there is NO MELODY but only a planned STRUCTURE in Boulez’ VPO whenever they are concerned about SOUND. And this is also why I constantly ask them to make MELODY in order to butcher ALL Mehta’s musicians.)

True that Abbado’s Symphony Orchestra always has a commercial power, part of which is based on top-rate academic XYZ. Then, not everyone involved in Abbado’s favorite music-or-color-or-sound-or-what can prove Barenboim’s real interpretation. This is why I’m always confused between ‘favorite music’ and ‘ideal music’ whenever I have to analyze Abbado’s Mahler. I still don’t know what his ideal music is because his Lucern Festival Orchestra has NEVER proved professionally-functioned ensemble techniques. (I am not talking about TECHNIQUE. It took years for Abbado’s BPO, which started as an amateurish youth orchestra, to sound like a real Professional Orchestra, in which every each member answers his ensemble partners with his exact function of sound at every each moment…)

My only concern is…
Will I have to work HARDER after Filarmonica della Scala suddenly becomes a Symphonic Orchestra and proves Abbado’s XYZ? What will happen to the horn section in Milan? I even don’t want to think about this disaster.

05 =*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*
JIWON: Is this criticism or praise? o.O~ Looks like starting with criticism and ending with praise. Headache…

Ben vengano tanti nuovi alberi, ma Abbado che c’entra? Apr 9, 2009 / By Il Giornale, di Livio Caputo
Mi rendo conto che questo sarà un commento fuori dal coro, ma proprio non me la sento di tacere il mio sconcerto per lo strano contratto concluso tra il Comune di Milano e il maestro Claudio Abbado: 90 mila nuovi alberi (+50% rispetto alla dotazione attuale) da piantarsi in città in cambio di un ritorno alla Scala dopo quasi un quarto di secolo, per due concerti da tenersi nel giugno 2010. Non ho nulla contro il settantaseienne Abbado, anche se i suoi diciotto anni di direzione del teatro milanese furono contrassegnati da mille polemiche per le sue iniziative di rottura – come la presentazione di opere contemporanee scarsamente popolari, l’invenzione dei famosi «concerti per operai e studenti» e il tentativo di trasformare la Scala da luogo destinato alla musica a luogo dedicato alla cultura in generale – e non si conclusero proprio in armonia.
I realize that this is a comment out of the choir, but I really did not feel that I speak to my amazement the strange contract between the City of Milan and the maestro Claudio Abbado: 90 thousand new trees (+50% compared to the provisioning current) to plant in the city in exchange for a return to La Scala after almost quarter of a century, for two concerts to be held in June 2010. I have nothing against settantaseienne Abbado, even if his eighteen years of theater direction of Milan were covered by thousands of controversy for its initiatives to break – the presentation of popular contemporary works poorly, the invention of the famous’ concert for workers and students’ and the attempt to transform the scale of the place for the music site dedicated to culture in general – and not ended in harmony.

Non ho nulla neppure contro un aumento del verde, sempre apprezzabile, anche se la proliferazione nell’intero centro storico degli enormi vasi necessari per ospitare le piante non mi sembra un gran contributo al panorama e potrebbe perfino essere bocciata dalla Sovrintendenza.
I have nothing against either an increase in the green, always appreciated, even if the proliferation in the historic center of the huge vessels to host plants does not strike me as a great contribution to the landscape and may even be rejected by the Superintendent.

Quel che mi lascia perplesso è il modo in cui si è arrivati a questa decisione e il peso che la passione ambientalista di un pur illustre cittadino milanese (oltre tutto assente da molti anni) ha assunto in una materia che – nel bene e nel male – riguarda tutti quanti e che dovrebbe essere gestita in maniera istituzionale. Le ambizioni di Abbado, tra l’altro, sembrano andare anche oltre quella di riempire la città di alberelli: in una intervista al Corriere sostiene che il suo sogno è la chiusura del centro al traffico privato, una questione che Milano dibatte da tempo immemorabile, ma che forse andrebbe trattata con altri criteri e ad altri livelli. Infine, c’è il problema del precedente: ora che la strada è spianata, altri grandi artisti (e magari, chissà, anche grandi calciatori) potranno chiedere come contropartita alle loro prestazioni la costruzione di una fontana, una modifica a un progetto urbanistico o quant’altro: con tanti saluti al Consiglio comunale e anche al buon senso.
What leaves me puzzled is how you came to this decision and weight the environmental passion of a distinguished citizen while in Milan (more than absent for many years) has taken on a matter that – for better or for worse — concerns everyone and should be managed in an institution. The ambitions of Abbado, among others, seem to go even further to fill the city of trees, in an interview with Corriere claims that his dream is the closure of the center to private traffic, a question that Milan discuss from time immemorial, but perhaps that should be treated with other criteria and at other levels. Finally, there is the problem was now that the road is smoothed, other great artists (and maybe, who knows, even big players) will ask in return for their benefits to build a fountain, a change to an urban planning or everything else: with so many greetings to the City Council and also to common sense.

Abbado degli alberi Apr 9, 2009 / By BintMusic
I direttori d’orchestra sono persone particolari. Esseri dotati di grande cultura e talento, padroni di un’arte misteriosa e dai contorni non troppo definiti, sono il respiro della musica. Sarà l’attenzione all’immateriale e all’aria che muove con la bacchetta dal suo esordio nel 1959, ad aver spinto Claudio Abbado, direttore di fama mondiale che ci invidia il mondo intero, a tornare alla Scala di Milano in cambio di alberi.
The orchestra conductors are special people. Beings endowed with great culture and talent, masters of an art and the mysterious contours not too defined, are the breath of music. It will be the focus and all’immateriale air that moves with the rod from its debut in 1959, to have pushed Claudio Abbado, conductor of world renown who envies the whole world to return to La Scala in Milan in exchange for trees.
Abbado è già stato direttore musicale del Teatro alla Scala dal 1969 (a soli 35 anni), fino al 1986, anno in cui lasciò il teatro tra aspre polemiche che divisero la comunità musicale italiana: da una parte chi amava le sue scelte ardite quasi di sperimentazione musicale; dall’altra chi invece per la Scala si aspettava una direzione artistica più vicina ai gusti del pubblico e invocava l’avvento di Riccardo Muti, che di lì a poco ne prese il posto.
Abbado has been musical director of La Scala since 1969 (only 35 years) until 1986, when he left the scene of bitter controversy that divided the Italian musical community: on one hand those who loved her most daring choices of experimental music, the other for those who expected a Scala artistic direction closer to public taste and called for the arrival of Riccardo Muti, who soon took his place.
(…) Abbado ha scelto anche il tipo di piante: pioppi, cipressini e magnolie che si aggiungeranno a quelle offerte alla città dai mercatini dei vivaisti. Insomma, speriamo che a Milano nell’aria possa circolare una musica tutta nuova.
(…) Abbado chose the type of plants: poplars, magnolias and Cipressina in addition to those offered by the city markets of nurserymen. In short, we hope to move to Milan in an all new music.

04 =*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*

Abbado torna alla Scala nel 2010: E Milano pianta per lui 90.000 alberi
In cambio del suo ritorno, il maestro ha ottenuto che il centro città venisse ripopolato di alberi. Per piantare i primi germogli anche in piazza Duomo, si attende il via libera della sovrintendenza: per questo Letizia Moratti conta sull’aiuto di Abbado
Abbado returns to scale in 2010: And for him Milan plant 90,000 trees
In exchange for his return, the teacher who has been the center of trees to be repopulated. To plant the first seedlings in piazza Duomo, expects the green light of supervision for this Letizia Moratti counts on the help of Abbado

Milano, 7 aprile 2009 – “Milano è la mia città e io amo la mia città. E’ una grande emozione”. Così il maestro Claudio Abbado ha parlato del suo ritorno al teatro alla Scala dove il 4 e il 6 giugno 2010 tornerà ad esibirsi con l’Ottava Sinfonia di Mahler. In cambio del suo ritorno, il maestro Abbado ha ottenuto che il centro di Milano venisse ripopolato di alberi.
Milan, 7 April 2009 – “Milan is my city and I love my city. It ‘a great emotion.” So the maestro Claudio Abbado has talked about his return to the theater at La Scala, where 4 and 6 June 2010 will return to perform with the Mahler Eighth Symphony. In exchange for his return, the maestro Abbado won the heart of Milan were repopulated trees.

Cento alberi in vaso saranno subito disposti tra via Dante e via Orefici, a pochi passi dal Duomo, perché il desiderio di Abbado è che aumenti il verde proprio nel centro della città. «Conoscendo il maestro – ha commentato il sindaco di Milano Letizia Moratti – la sua richiesta non solo non mi ha sorpreso, ma mi ha stimolato a proseguire un programma che avevamo già iniziato»; i 90 mila alberi di Abbado andranno a inserirsi nel piano del verde approvato nel 2007, che prevede che si arrivi a 500 mila piante nel territorio cittadino, collegate da una rete di 72 km di ‘raggi verdi’.
One hundred trees will be potted immediately arranged between via Dante and Via Orefici, a few steps from the Cathedral, because the desire to Abbado is that increases in the green heart of the city. “We know the teacher – said the Mayor of Milan Letizia Moratti – his request is not only not surprised me, but I was encouraged to continue a program that had already begun ‘; 90 thousand trees Abbado will fit in the plane of Green approved in 2007, which is expected to reach 500 thousand plants in the city, connected by a network of 72 km of ‘green ray’.

Per piantare i primi germogli anche in piazza Duomo, si attende il via libera della sovrintendenza: per questo Letizia Moratti conta sull’aiuto di Abbado che, da parte sua si è detto convinto che «quando si vuole fare una cosa giusta, la si realizza». Soddisfatto anche il presidente della Provincia Filippo Penati, che ha ricordato come il progetto sia nato alla fine di dicembre su iniziativa sua e di Lissner in risposta alla richiesta del maestro.
To plant the first seedlings in piazza Duomo, expects the green light of supervision for this Letizia Moratti Abbado counts on the help of which, for its part said it was convinced that “when you want something done right, it realizes ‘. Also met the President of the Province Filippo Penati, who recalled how the project was born in late December at the initiative and its Lissner in response to a request from the master.

Quanto al ritorno di Abbado alla Scala, per il sindaco di Milano è «una grande gioia, che tocca sia l’ambito della grande musica che la musica sociale»; ricordando l’esperienza del maestro con l’orchestra venezuelana ‘Simon Bolivar’, composta di ragazzi strappati alla strada, Letizia Moratti ha aggiunto che anche per Milano si stanno studiando «collaborazioni di questo tipo, con la musica che diventa riscatto sociale».
As for the return of Abbado at La Scala, the mayor of Milan is “a great joy that touches both the scope of great music that music social, recalling the experience of the teacher with the orchestra Venezuelan ‘Simon Bolivar’, composed of boys ripped the road, Letizia Moratti said that Milan are studying ‘collaborations of this kind, with the music that becomes social redemption. “

Passeggiando per le vie del centro insieme a Letizia Moratti, a Penati e a Lissner, Abbado ha promesso che cercherà di «tornare di più. Ho altri impegni e dopo l’operazione – ha ricordato il maestro – devo lavorare meno; ma tornerò molto volentieri». Non è mancata una parola sull’Expo: «Sono sicuro – ha detto – che per Milano sarà un fatto molto importante». Troppo, però, sperare di vederlo in quell’occasione a dirigere un’opera: «Questo – ha scherzato – sarà più difficile per me».
Walking through the streets of downtown with Letizia Moratti, a Penati and Lissner, Abbado has promised to try to “go back more. I have other commitments and after the operation – said the teacher – I have to work less, but come back very happy. ” Failure is not a word sull’Expo: “I am sure – he said – that Milan will be very important.” Too, however, hope to see him at that time to direct an opera, “This – is a joke – will be more difficult for me.”

Abbado musica & verde Apr 8, 2009 / By Corriere della Sera
La vittoria del Maestro Aveva imposto come «cachet» 90mila nuove piante
«Sì, era nata come una boutade ma Milano avrà gli alberi che ho chiesto e adesso è deciso: tornerò alla Scala»
Abbado music & Green
The victory of the Master had imposed as a “cachet” 90mila new plants
“Yes, she was born as a boutade but Milan will have the trees that I have asked and now it’s decided: tornerò Scala ‘

MILANO — Tre mesi fa, dal Corrie¬re, aveva sparato il cachet più pazzo del mondo: novantamila alberi. No¬vantamila alberi per tornare a dirige¬re a Milano, la sua città, alla Scala, il suo teatro, dove era stato direttore artistico per 18 anni e poi se n’era an¬dato portandosi dietro fantastici ri¬cordi, ma anche qualche amarezza. Dopo aver detto mille volte no, Clau¬dio Abbado per tornare aveva chie¬sto la luna. Perché 90 mila alberi so¬no un bosco, e in una città poco sen¬sibile all’ambiente come Milano, un bosco è un’utopia. Che invece, con¬tro ogni previsione e ogni scettici¬smo, ieri si è realizzata. Trascinati dal carisma del direttore e dall’entu¬siasmo suscitato in città dal suo pro¬vocatorio appello, Provincia e Comu¬ne hanno detto sì alla richiesta.
MILAN – Three months ago, by re ¬ Corrie, had fired the cachet craziest in the world, ninety thousand trees. No ¬ vantamila trees to return to directing ¬ king in Milan, his city, at La Scala, his theater, where he was artistic director for 18 years and then if an n’erano ¬ port behind fantastic re ¬ agreements, but also some bitterness. After saying no a thousand times, ¬ Clau dio Abbado was asked to return ¬’m the moon. Why 90 thousand ¬ no trees so the forest, and in a town just sen ¬ sible to Milan as a forest is a utopia. Which, with ¬ tro every prediction and every ¬ body skeptics, took place yesterday. Dragged by the charisma of the director and dall’entu ¬ enthusiasm aroused in town from the pro ¬ vocatorio appeal Com ¬ Province and have said yes to the request.

No¬vantamila piante saranno sparse per la città. Il 50 per cento in più delle attuali 180mila. E Abbado manterrà la parola: a giugno 2010, il 4 e il 6, tornerà alla Scala. Sembrava una boutade… «All’ini¬zio è nata un po’ così — conferma lui —. Pensavo ai novemila alberi che ho piantato nel terreno intorno alla mia casa in Sardegna. Visto che Milano è un po’ più grande, faccia¬mo 90 mila, mi son detto. Pagatemi in natura, dimostratemi che questa città vuol prendere un impegno per una migliore qualità della vita, e io tornerò». Ma immaginava che sarebbe stato esaudito, che poteva accadere davve¬ro? «Io credo alla forza delle idee. Se una cosa è giusta e bella, alla fine funziona. Milano ha fame di verde, cultura e natura possono e devono andare insieme. Sono felice ed emo¬zionato di tornare nella città dove so¬no nato, nel teatro dove ho lavorato tanti anni». Gli alberi spunteranno in tempo per quando tornerà: «I pri¬mi cento verranno sistemati entro un mese in via Dante — annuncia — poi toccherà a piazza Duomo, a piazza della Scala, e via via, nelle stra¬de tutt’intorno. È il centro la zona più penalizzata, l’idea è di creare ot¬to ‘raggi’ verdi che da lì partano e arrivino fino alle periferie». Ma come si possono piantare albe¬ri nel centro? Con la metropolitana che passa sotto, con i parcheggi? «Semplice, verranno sistemati in va¬si. Vasi di stazza considerevole», pre¬cisa. Per evitare che oggi ci siano e domani, chissà… Abbado i suoi pro¬getti li segue fino in fondo, in ogni dettaglio. Persino nella scelta delle piante: pioppi, cipressini e magno¬lie. «Gli alberi delle nostre zone. Alli¬neati nei vasi, irrigati con un siste¬ma di nebulizzazione che ho visto in atto all’Expo di Siviglia, dove il mi¬croclima creato dalle piante e dalla pioggerella riusciva a temperare il caldo torrido dell’estate». Natural¬mente non basta. «Ogni fine settima¬na quelle vie ospiteranno mercatini di vivaisti dove i milanesi potranno acquistare altre piante da offrire alla città per aumentare il bosco. E infi¬ne, disporre alberi nelle strade prelu¬de a una progressiva chiusura al traf¬fico privato. A quel blocco del cen¬tro necessario per respirare un’aria migliore», auspica.
No ¬ vantamila plants are dotted around the city. 50 percent more of the current 180mila. E Abbado to keep his word: in June 2010, 4 and 6, will return to La Scala. It seemed boutade … ‘¬ early uncle was a’ case – he confirms -. I thought to nine thousand trees that I planted in the ground around my house in Sardinia. Since Milan is a little ‘bigger is mo ¬ 90 thousand, I said to myself. Pagatemi in nature, dimostratemi that this city wants to make a commitment to a better quality of life, and I will come back. ” But imagine that it would have been heard, which could happen davve ¬ ro? “I believe the power of ideas. If something is right and good in the end it works. Milan is hungry for green, culture and nature can and must go together. I am happy and emo ¬ mentioned to return in the city where so ¬ no born, in the theater where I worked so many years. ” The trees popping up in time to come back when: “The pri ¬ me one hundred will be arranged within a month, via Dante – announced – then it will be up to Piazza Duomo, Piazza della Scala, and so forth, in de ¬ stra around. It is the center the most disadvantaged, the idea is to create ot ¬ to ‘ray’ green start from there and to come to the suburbs. ” But how can they be planted dawns ¬ re in the center? By subway that passes under, with parking? “Simple, will be arranged in ¬ si. Considerable tonnage of vessels, pre ¬ ferred. To ensure that we are today and tomorrow, who knows … Abbado its pro ¬ jects follows them to the end, in every detail. Even in the choice of plants: poplar Cipressina and magno ¬ lie. “The trees of our area. Alli ¬ neat in pots, irrigated with a systemic spray ¬ but I’ve seen in place at the Expo in Seville, where the mi ¬ croclima created by plants and drizzle could temper the heat of summer. ” Natural ¬ mind is not enough. “Every seventh end ¬ na those streets will host markets nurserymen where Milan will be able to buy other plants to be offered to the city to increase the forest. E invalidat ¬ tion, to have trees in the streets prelu ¬ de a progressive traf ¬ closed to private traffic. Then lock cen ¬ tro need for an air to breathe better ‘hopes.

Ma quanto coste¬rà tutto ciò? «Quasi nulla. I vivaisti fanno a gara per offrire alberi». Dal verde alla musica. Perché ha scelto l’Ottava di Mahler? «È l’unica di Mahler che non avevo mai diretto alla Scala. E perché è un modo per rendere omaggio al compositore au¬striaco di cui l’anno prossimo ricor¬rono i 150 anni dalla nascita». Una sinfonia monumentale, detta «dei mille» per via dello sterminato orga¬nico che richiede. «Un’occasione per riunire due orchestre cardine della mia vita, la Filarmonica della Scala (nata nel 1982 proprio per vole¬re di Abbado, ndr) che ha come di¬rettore artistico l’amico Ernesto Schiavi, e la Mozart che attualmente guido a Bologna». E poi i cori. «Il Coro della Scala, lo Schönberg Chor, il Coro della Radio svedese, il coro delle Voci bianche scaligere e quello del Tolzen Knaben¬chor… Oltre ai solisti, s’intende», elenca Abbado. Come faranno a star¬ci tutti? «Il palcoscenico del Pierma¬rini è ampio, per sistemarli si co-struirà una gradinata in diagonale». Da quando si è sparsa la voce, alla Scala l’eccitazione è grande. Stépha¬ne Lissner, che due giorni dopo es¬ser stato nominato sovrintendente già lo marcava stretto per farlo torna¬re, esulta soddisfatto: «La risposta di Claudio è tra le più belle della mia vita». «Nella Scala di Lissner ritrovo artisti amici a cui sono legato da per¬corsi affini, da Barenboim a Boulez a Pollini. C’è l’atmosfera giusta per la¬vorare bene». Pensa già a una secon¬da puntata? «È presto per dirlo, ma perché no?».
But the coasts ¬ rà everything? “Almost nothing. The nurserymen make a tender offer for the trees. ” From green to music. Why did you choose the Mahler Eighth? “It is the only Mahler that I had never directed at the Scala. And why is a way to pay homage to the composer au ¬ striaco of next year which ap ¬ HRONOGRAPH the 150 years since birth. A monumental symphony, called “dei mille ‘exterminated by the orga ¬ ment it requires. “An opportunity to combine two key bands in my life, the Filarmonica della Scala (born in 1982 for re ¬ tion of Abbado, ndr) che ha di ¬ rector as artistic friend Ernesto Schiavi, Mozart and currently guido in Bologna. And then the chorus. “The Chorus of La Scala, the Schönberg Chor, the Swedish Radio Choir, the choir of white voices Scala and the Tolzen Knaben ¬ chor … In addition to the soloists, the term ‘lists Abbado. How will a star ¬ us all? “The stage of Pierma ¬ Rini is wide, is to put a co-struirà steps diagonally. Since it is spread the voice, the excitement scale is large. Steph ¬ ne Lissner, who two days after ¬ es ser was appointed superintendent already marked for close it back ¬ re, met exults: “The response of Claudio is one of the most beautiful of my life.” “In Scale Lissner artists find friends who are bound by similar courses for ¬ by Barenboim Boulez at a Pollini. There is the right atmosphere for ¬ vorare good. ” Think already a secon ¬ da bet? “It is early to tell, but why not?”.

Con la Moratti, come si è trovato? «È una persona sensibile e preparata. Mi ha fatto un’ottima impressione», assicura il direttore, che con il sindaco ha parlato anche di musica. Grande sostenitore del¬l’Orchestra Simón Bolívar e del «Si¬stema » Antonio Abreu per avviare al¬la musica i ragazzi dei barrios, Abba¬do ha trovato una sponda inattesa in Moratti: «Stiamo progettando insie¬me una collaborazione per una musi¬ca che sia anche riscatto sociale», ha promesso il sindaco. È proprio vero, verde e musica cre¬ano relax, distensione, armonie inat¬tese. Dopo Abbado Lissner ora vuole far tornare Muti. «Sarei felice che Riccardo tornasse», auspica Clau¬dio. La Scala è grande, c’è posto per tutti.
By Moratti, as has been found? “It is a sensitive and prepared. He made a good impression “, assures the director, who with the mayor also spoke of music. ¬ great supporter of the Orchestra Simón Bolívar and the “Si ¬ system ‘Antonio Abreu to start the music ¬ kids from the barrios, Abba ¬ do find a bank in unexpected Moratti:” We are planning a cumula ¬ me for a collaboration musi ¬ that is also about social redemption, ‘he promised the mayor. It’s true, Green and music cre ¬ anus relax, relaxation, harmony INAT ¬ tense. After Abbado Lissner now wants to return Muti. “I am delighted that Riccardo return ‘hopes Clau dio ¬. The scale is large, there is room for everyone.
Giuseppina Manin
08 aprile 2009

03 =*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*

Bondi: dopo Abbado, Muti torni alla Scala Apr 6, 2009 / By Corriere della Sera
Bondi after Abbado, Muti returns to La Scala

«Abbado alla Scala? Sarebbe una gioia» Apr 6, 2009 / ByIl Giornale
Abbado at La Scala? It would be a joy ‘

L’ipotesi di un ritorno del maestro Abbado sulla scena scaligera, dopo ben 23 anni di assenza, si fa sempre più concreta. È fissato, infatti, per domani mattina l’incontro decisivo tra il sovrintendente Stéphane Lissner, il sindaco Letizia Moratti, il presidente della Provincia Filippo Penati e un floro-vivaista con tanto di pioppo cipressino, il tipo di piante che Abbado ha chiesto come contropartita per il suo ritorno a Milano.
The hypothesis of a return of the maestro Abbado Scala on the scene, after 23 years of absence, is becoming more concrete. There will be, in fact, tomorrow morning for the decisive meeting between the superintendent Stéphane Lissner, the mayor Letizia Moratti, the president of the Province and a Filippo Penati floro-nurseryman with a poplar Cipressina, the type of plants that Abbado has asked in return on his return to Milan.

Il maestro, infatti, direttore musicale del Piermarini dal 1968 al 1986, ha posto come condizione la piantumazione di 90mila alberi in città. Condizione per cui si sono impegnati il sindaco Moratti, che ha definito il ritorno di Abbado «una grande gioia per la città» e soprattutto il presidente della Provincia. Per questo all’appuntamento ci sia anche un vivaista. E forse non è nemmeno un caso che l’appuntamento sia stato fissato per oggi, data della prima del «Viaggio a Reims» di Rossini nella versione del 1985 di Luca Ronconi che diresse proprio Abbado.
The teacher, in fact, musical director of Piermarini from 1968 to 1986, posed as a condition the planting of trees in cities 90mila. Condition for which you have committed the Mayor Moratti, who has described the return of Abbado “a great joy for the city and especially the President of the Province. That is the appointment there is also a nurseryman. And perhaps there is also no coincidence that the appointment has been fixed for today, when the first of the “Voyage to Reims” by Rossini in the 1985 version of Luca Ronconi directed that its Abbado.

Secondo il ministro dei Beni culturali Sandro Bondi, ieri in città per l’inaugurazione della mostra su Michelangelo al Castello, un ritorno alla Scala di Claudio Abbado «sarebbe per tutti noi, non solo per la città di Milano, un gesto di grande significato morale, culturale e civile». Il ministro ha inoltre affermato di aver telefonato personalmente al maestro una settimana fa per esprimergli questa sua posizione. «Allo stesso modo – ha aggiunto – speriamo che Muti possa tornare a Milano per dei concerti».
According to the Minister of Culture Sandro Bondi, yesterday in the city for the inauguration of the exhibition on Michelangelo to the Castle, a return to La Scala di Claudio Abbado was’ for all of us, not only for the city of Milan, an act of great moral significance , cultural and civil. The minister also said that he had personally telephoned the teacher a week ago to express his position. “In the same way – he added – we hope that Muti will return to Milan to concerts.”

02 =*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*

Due orchestre per Abbado alla Scala Apr 2, 2009 / By Corriere della Sera
Two orchestras for Abbado at La Scala
Aveva detto: «Lo farò se Milano pianterà 90 mila nuovi alberi». E il progetto diventa realtà
He said: “I will do if Milan pianterà 90 thousand new trees. And the project became reality
Tre date nel giugno 2010 per il grande ritorno dopo la «sfida» del verde
Three dates in June 2010 for the big return after the “challenge” of the green

MILANO — Claudio Abbado torna alla Scala. Non più solo una voce, non più solo un au¬spicio. Ci sono le date: il 4 e il 6 giugno 2010 (più una terza da¬ta solo per giovani). C’è il pro¬gramma, l’Ottava di Mahler, autore amatissimo dal diretto¬re milanese, che ha scelto quel¬la Sinfonia monumentale, det¬ta anche Dei mille visto l’im¬pressionante organico che ri¬chiede, in omaggio al composi¬tore austriaco di cui nel 2010 ri¬corrono i 150 anni della nasci¬ta. Ci sono le Orchestre coinvol¬te, quella della Scala, che Abba¬do non dirige da 23 anni, da quando nel 1986 lasciò la dire¬zione musicale del Teatro, e quella della Mozart di Bologna, la sua ultima creatura. La gran¬de orchestra del massimo tea¬tro lirico e la formazione di gio¬vani provenienti da tutta Euro¬pa. Due anime musicali unite per il ritorno più atteso nel mondo della musica. Ritorno che avviene sotto il segno più amato dal direttore milanese, da sempre impegna¬to a coniugare cultura e natu¬ra. Tre mesi fa, il 30 dicembre, Abbado lanciò la sfida sul Cor¬riere: «Se a Milano verranno piantati 90 mila alberi, io torne¬rò alla Scala». Chi allora pensò a una boutade non lo conosce: il direttore non dice mai nulla che non pensi davvero e, una volta detto, a cui poi non tenga fede. Qualcuno l’ha capito, ci ha creduto, ci ha provato.
MILAN – Claudio Abbado returns to scale. No longer just a voice, not just a wish. There are the dates: 4 to 6 June 2010 (plus a third time just for youth). There is a program the Mahler Eighth, author beloved by the director of Milan, who chose the monumental Symphony, also of the thousand seen the impressive staff that requires, in homage to the Austrian composer referred in 2010 using the 150 years birth. There are orchestras involved, that of scale, which runs from Abbado not 23 years, since in 1986 he left the musical direction of the theater, and that of Mozart in Bologna, his latest creation. The large orchestra of the opera house up and training of young people from across Europe. Two souls together to the music most awaited return to the world of music. Back to sign shall be given under the most loved by the director of Milan, has always undertaken to combine culture and nature. Three months ago, December 30, Abbado threw the challenge in Corriere: “If Milan are planted 90 thousand trees, I will return to La Scala.” Who then thought of a boutade not know: the director does not say anything that does not really think, and once said, to which you do not keep faith. It has been understood, we believed, we tried.

Il presidente della Provincia Pe¬nati si è subito mosso e anche il sindaco Moratti si è detta pronta all’impresa. Ma chi più di tutti ha lavora¬to per il rientro di Abbado è sta¬ta proprio la Scala. Ne sa qual¬cosa Stéphane Lissner che, no¬minato sovrintendente, il 4 maggio del 2005, due giorni do¬po prese l’aereo e raggiunse a Berlino Claudio, a cui era lega¬to da amicizia dai tempi in cui, direttore artistico di Aix-en¬Provence, aveva fatto nascere un memorabile Don Giovanni, regia di Peter Brook, direzione di Abbado. «Mi parlò della Sca¬la, mi dette dei consigli. E io, già allora, gli chiesi di tornare. Non mi disse né sì né no. Pote¬vo insistere», ricorda Lissner che in questi quattro anni non ha mai mollato un attimo quel paziente lavoro di tessitura. Poi, complici gli amici albe¬ri, l’occasione giusta per tirare le fila.
The President of the Province Penati has been moved and also the Mayor Moratti said she was ready to. But most of all those who worked for the return of Abbado has been the Scala. Knows something that Stéphane Lissner, appointed Superintendent, May 4 2005, taken two days after the plane arrived in Berlin and Claudio, who was tied by friendship from the time when, artistic director of the Aix-enProvence, had given birth a memorable Don Giovanni, directed by Peter Brook, the direction of Abbado. ‘I spoke of the Sca-I of these recommendations. And I, even then, I asked him to return. I said neither yes nor no. I could insist, Lissner recalled that during these four years has never let a moment that the patient work of weaving. Then accomplices tree friends, the opportunity to draw the line.

Una Scala «verde» per Abbado, un Teatro circondato da alte fronde come si vede sul sito degli Abbadiani Itineranti, i più fedeli tra i fans del diretto¬re, che in tutti questi anni di «esilio» milanese l’hanno inse¬guito per il mondo. Per stabilire luoghi e modi per far sorgere quel bosco cit¬tadino tanto agognato, Clau¬dio Abbado martedì prossimo, 7 aprile, sarà a Milano per un incontro «al vertice» con Pena¬ti, Moratti e Lissner. «Se tutto andrà come deve, se dopo l’in¬contro Claudio confermerà il suo appuntamento alla Scala, sarà per me, per il nostro Tea¬tro, una delle più belle rispo¬ste che ho avuto da un artista in tutta la mia vita», assicura emozionato il sovrintendente. Che ricorda con un sorriso che proprio il 7 aprile tornerà in scena alla Scala quell’incante¬vole Viaggio a Reims ideato nell’85 da Abbado, Ronconi, Gae Aulenti. «Una coinciden¬za, forse di più — sottolinea Lissner —. Chissà che Claudio quella sera venga in teatro ad ascoltare quell’opera tanto amata, stavolta diretta da Otta¬vio Dantone». Un primo, nuo¬vo, approccio con la Scala. Che tra un anno sarà tutta lì, in pie¬di, ad applaudirlo.
Scale A ‘green’ for Abbado, a theater surrounded by tall fronds as shown on the site of Abbadiani Itinerant, among the most faithful fans of the director, that in all these years of ‘exile’ Milan have pursued for the world. To determine the places and ways to engage the much coveted national forest, Claudio Abbado next Tuesday, April 7, will be in Milan for a meeting “summit” with Penati, Moratti and Lissner. “If everything goes as it should, after the meeting Claudio confirm his appointment at La Scala, will be for me, for our theater, one of the best answers that I got from an artist in my whole life,” assures the excited Superintendent. That recalls with a smile that April 7 will return on stage at La Scala quell’incantevole Viaggio a Reims in 85 developed by Abbado, Ronconi, Game Aulenti. “A coincidence, perhaps more – Stresses Lissner -. Who knows that Claudio is that evening in the theater to hear that work so beloved, this time directed by Ottavio Dantone. Initially, new vo, approach with Scala. That in a year will be all there, standing to applaud.

Giuseppina Manin
02 aprile 2009

01 =*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*

La Scala trades trees for maestro Apr 3, 2009 / By Variety, Michael Day
Claudio Abbado returns to Milan opera house
Claudio Abbado, La Scala’s legendary musical director, is set to return to the Milan opera house he stormed out of 23 years ago.
While attempts by Milan’s ruling right wing politicos to lure him back were initially refused, the 75-year-old maestro agreed to return on one condition: “I’ll come back if you plant 90,000 trees.”
Abbado is famed for introducing contemporary opera to Milan, where he reigned from 1966 to 1986. Even now, in his eighth decade, the left-leaning intellectual is in tune with the zeitgeist.
The city was so keen to woo Abbado, who also held top jobs at the London Symphony Orchestra and the Vienna State Opera, that it whipped up plans for “intercity woodlands” and even a new tree-lined path between the city’s best-known landmarks, its cathedral and castle.
The great man was suitably impressed, and already cognoscenti are preparing to make a beeline for tickets for his first two Mahler concerts, scheduled for June 4 and 6 next year.
And for those who don’t get seats, there’ll still be a more verdant city to enjoy — and Abbado to thank.

«Corridoio verde dal Duomo al Castello» Apr 2, 2009 / By Corriere della Sera
‘Green corridor from the Cathedral to the Castle’
Incontro tra il direttore, il sovrintendente Lissner e il presidente della Provincia
Meeting between the Director, the Superintendent Lissner and the President of the Province
Il Maestro Abbado aveva chiesto 90 mila alberi per tornare alla Scala. Penati: ce la faremo con Metrobosco
The Maestro Abbado had requested 90 thousand trees to return to La Scala. Penati: we will succeed with Metrobosco

MILANO – Claudio Abbado, dalla sua casa di Bologna, scende nei particolari del progetto che da tempo gli frulla per la testa e si prepara, nei prossimi giorni, a fare un so-pralluogo a Milano con il sindaco Letizia Moratti e il presidente della Pro¬vincia, Filippo Pe¬nati. Per il ritor¬no alla Scala del grande mae¬stro si stanno facendo i salti mortali an¬che negli uffi¬ci tecnici del¬le istituzioni locali, dove nelle prossime settimane ci si dovrà misurare con un vero e pro¬prio progetto di fatti¬bilità. «Tornerò a Milano a pat¬to che vengano piantati in città novantamila alberi», aveva annunciato Abbado al Corriere riaccendendo la speranza di tanti fan. Sotto l’aspetto della boutade, il di¬rettore aveva posto in realtà la sua condizione irrinuncia¬bile. E la richiesta è stata presa al volo dal presidente di Palazzo Isimbardi, che nei giorni scorsi ha fatto vi¬sita al maestro con il sovrin¬tendente Lissner e con la missione di riportare al più presto Abbado sul podio del Piermarini.
MILAN – Claudio Abbado, from his home in Bologna, down into the details of the project for some time for the milk shakes his head and prepares in the coming days to make a visit to Milan mayor Letizia Moratti and the chairman of the Province, Filippo Penati. To return to the scale of the great teacher you are making the jump fatal even in technical departments of local institutions, where in the coming weeks it will be measured with a real project feasibility. «Return to Milan if they are planted in the city ninety thousand trees, Abbado announced the Corriere again the hope of many fans. In terms of boutade, the director had in fact his condition. And the request was made on the fly by the President’s Palace Isimbarda, which in recent days has visited the teacher with the superintendent and Lissner with a mission to bring back as soon as Abbado on the podium of the Piermarini.

Penati, nella casa bologne¬se del maestro, ha illustrato il progetto della Provincia «Metrobosco» per la piantu¬mazione di alberi in varie zo¬ne della città: intorno ai Ba¬stioni, ai Navigli e a Chiara¬valle. Ma ha raccolto soprattut¬to le indicazioni di Abbado per un intervento incisivo anche nel centro storico. Su questo punto Penati avreb¬be già trovato la collabora¬zione del Comune e il primo segnale potrebbe partire dunque da via Dante con una serie di alberature ov¬viamente in vaso, visto che sotto la strada corre la me-tropolitana. Abbado però non si è limi¬tato a sottolineare la propo¬sta di via Dante. Per il centro storico ha lanciato anche l’idea di istituire, sempre sul¬l’asse Duomo-Castello, una sorta di mercato settimana¬le di fiori e piante: un punto di incontro per florovivaisti e semplici milanesi.
Penati, the home of the Bolognese master, explained the project in the Province “Metrobosco ‘for the planting of trees in various areas of the city around the Ramparts, and the Navigli Chiaravalle. But above all sought the directions of Abbado for a robust intervention in the historical center. At this point Penati would have already found the collaboration of the Municipality and the first signal could therefore start from Via Dante with a series of potted trees of course, since the road runs under the subway. Abbado does not merely point out the proposed way Dante. For the historical center has also launched the idea of setting up, always on the Cathedral-Castle, a kind of weekly market of flowers and plants: a meeting place for flower and simple Milan.

Dopo il sopralluogo, che si terrà nei prossimi giorni, si cercherà di mettere a pun¬to un progetto di fattibilità da sottoporre al maestro. Del resto la città che Abba¬do ha in mente è una Mila¬no che piace a tutti, una me¬tropoli che si riempie di al¬beri, dove il direttore d’or¬chestra potrebbe finalmente fare il gran ritorno a conclu-sione di una lunga trattativa e dopo un addio tra le pole¬miche avvenuto 23 anni fa. «Mi sembra fantastico po¬ter legare il ritorno di Abba¬do a un obiettivo così im¬portante — commenta il presidente Filippo Penati —. È giusto che le istituzio¬ni si impegnino per un gran¬de evento mondiale come il ritorno del maestro alla Sca¬la e per un’iniziativa impor¬tante come quella di pianta¬re in città novantamila albe¬ri».
After the inspection, to be held in the coming days, we will seek to develop a feasibility project to be submitted to the master. Moreover, the city that Abbado has in mind is a Milan that please everyone, a metropolis that is full of trees, where the conductor could finally make the big return at the conclusion of long negotiations and after a farewell between the controversy happened 23 years ago. “I feel fantastic to tie the return of Abbado to a goal so important – comments the president Filippo Penati -. It is right that institutions are committed to a major global event like the return of the maestro at La Scala and a major initiative such as planting trees, ninety thousand in cities. “

Rossella Verga
02 aprile 2009(ultima modifica: 03 aprile 2009)

Advertisements
%d bloggers like this: